sigma

creative coding


video di david da ros (info@flarevideo.it)

sigma è un sistema composto di hardware e software altamente customizzati che mira a realizzare, controllare e mettere in relazione delle ambientazioni multimediali, siano esse composte da suono, immagine, illuminazione o combinazione di esse.

nelle immagini vediamo l’applicazione multimediale concepita su misura come paesaggio sonoro per lo spazio espositivo ARTU, presso la sede di COMINshop.
l’idea di fondo che sottende allo spazio è quella di raccontarsi tramite la rappresentazione delle anime dei materiali di cui i prodotti che l’azienda propone sono costituiti.
prima del prodotto, la materia (prima).
prima della materia, l’anima.

ecco, dunque, lo spazio dedicato al ferro, quello dedicato al colore, quello dedicato al legno.
il tutto immerso in un sottobosco che assieme è spazio e contenitore degli altri spazi.

l’idea di sonorizzazione dell’ambiente parte proprio dal sottobosco, e dall’intento di creare un tessuto sonoro mutevole anche se sempre riconducibile ad un’unità. proprio come il suono del bosco, che non è mai uguale a se stesso ma è sempre il suono del bosco.

per realizzare questo effetto sono state adottate le tecniche classiche della musica ambient e generativa, nello specifico una combinazione di catene markoviane che gestiscono infinite variazioni pseudo-casuali di ciascun elemento dell’arrangiamento.
alcuni elementi sono organizzati in loops di diverse lunghezze che garantiscono una generazione di combinazioni approssimativamente infinite.

il secondo obiettivo era quello di dare una voce ai singoli spiriti, alle singole aree contenute nel sottobosco.
il tema principale è stato arrangiato in una serie di forme differenti, usando come mattoni di partenza i suoni che provengono dalla linea di produzione, e l’interpolazione fra un arrangiamento e l’altro avviene tramite l’effettivo spostamento delle persone all’interno di ARTU: il fruitore attiva le varie zone entrandoci, o avvicinandosi ad oggetti specifici, triggerando suoni (provenienti da speaker installati ad hoc), arrangiamenti, o sezioni di musica.

la presenza di persone viene rilevata da delle videocamere che inviano il segnale a 4 raspberry pi (uno per spazio) che trasformano (tramite algoritmi basati su open cv) l’informazione video in dato numerico per delle patch di pure data, che gestiscono la generazione casuale degli arrangiamenti assieme alle modifiche nel paesaggio sonoro triggerate dalla presenza e dalla posizione delle persone all’interno dell’immagine.

questo utilizzo, sebbene sofisticato, non è che uno degli innumerevoli esempi di applicazione in cui sigma può trasformare un’esigenza creativa in uno scenario interattivo tramite gli strumenti dell’architettura hardware, del creative coding, e delle arti multimediali.